volley Perugia 1 foto Origo V nklque4ss96fr08yeq66gesql0q3pycqtwsh6phdkw

Al PalaEvangelisti è andata in scena la partita decisiva della serie, che ha deciso l' altra finalista che sfiderà Civitanova per il tricolore, dopo aver perso gli atti conclusivi del 2014 (proprio contro la Lube) e del 2016 (contro Modena)Nella sfida tra Perugia-Trento di gara5 della semifinale scudetto di volley maschile, i block devils vincono nettamente la partita vincendo con un netto 3 a 0, (25-12; 25-20; 30-28) e chiudendo così la serie sul 3-2. Perugia domina letteralmente i dolomitici davanti alla bolgia del PalaEvangelisti e I ragazzi di coach Lorenzo Bernardi hanno regolato una Diatec troppo spenta per cercare di impensierire la corazzata che ha dominato la regular season e che ha già vinto Coppa Italia e Supercoppa Italiana (sempre contro la Lube). Avvio equilibrato nel primo set, Perugia trova il break sull’ace di Podrascanin (9-7) e allunga con un bel muro a tre su Kovacevic (11-8). A questo punto il turno in battuta di Atanasijevic fa la differenza e spacca un po’ il parziale, Perugia prende in largo con un attacco micidiale del suo opposto e con una trattenuta fischiata a Vettori (16-10). Il set si decide definitivamente con il muro di Atanasijevic su Lanza e con l’ace di De Cecco (19-11), Lanza va in confusione e Zaytsev si esalta firmando i due aces che chiudono i conti. 

Trento nel secondo set vola subito sul 6-1sfruttando la verve di un redivivo Lanza e un paio di errori di Atanasijevic e Zaytsev. Perugia non si scompone e inizia la rimonta sul turno in battuta. Piccola fase punto a punto poi ci pensano gli schiacciatori: muro di Zaytsev, due aces consecutivi di Russell, bomba dello Zar per il 19-15. Trento cerca di rientrare ma il muro di Atanasijevic su Vettori per il 22-20 e il successivo pallonetto in rete di Lanza consegnano il set ai padroni di casa.

Perugia inizia come aveva finita e nel terso set inizia subito portandosi sul 5-0 con due attacchi di Atanasijevic, un ace di Podrascanin e un errore offensivo di Lanza. Trento barcolla ma non molla, entra Hoag e trova due punti consecutivi che accorciano sul 9-8. Si va ai vantaggi: Perugia ha tre match point ma vengono annullati. L’ace di Eder garantisce un set-point a Trento ma Russell annulla con una pipe, poi il muro di Podrascanin e l’ace finale di Zaytsev che valgono la vittoria. 

Prestazione da urlo di Ivan Zaytsev (15 punti, 4 muri), doppia cifra per l’opposto Aleksandar Atanasijevic (11), prestazione importante da parte dei centrali Simone Anzani e Marko Podrascanin (7 marcature a testa, con 2 muri) e del martello Aaron Russell (7), ottima regia di Luciano De Cecco, grande prova dell’ex Massimo Colaci. Tra le fila di Trento nessuno è riuscito ad andare in doppia cifra, 9 punti a testa per gli schiacciatori Uros Kovacevic e Filippo Lanza, solo 5 punti per l’opposto Luca Vettori, proprio come il regista Simone Giannelli (3 muri).

Fonte foto: oasport.it