Il calcio è strano, ma allo stesso tempo è meraviglioso perchè è impronosticabile. Al San Paolo, infatti, il Napoli cade per 1-0 nei minuti finali dopo aver passato praticamente quasi una partita intera ad attacare e costruire. Ad avere la meglio è stato il Cagliari di Maran, compagine scesa in campo con grande organizzazione e intenzione di far male ogni volta che si aprivano spazi in contropiede. Ed è proprio così che i sardi hanno avuto la meglio; discesa sulla destra di Nandez, traversone perfetto sulla testa di Castro che da distanza ravvicinata non può sbagliare. Una partita stregata per il Napoli, che ha attaccato per tutta la ripresa collezionando occasioni da gol ma senza riuscire a sfondare. Intera posta in palio, dunque, per il Cagliari che si porta a casa la seconda vittoria consecutiva. 

Marcatori: 87' Castro

Napoli (4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Maksimovic (46' Koulibaly), Mario Rui; Callejon, Allan, Ruiz, Insigne (74' Milik); Mertens, Lozano (66' Llorente). All. Ancelotti

Cagliari (4-3-1-2): Olsen; Cacciatore, Pisacane, Klavan, Lykogiannis; Nandez, Oliva, Ionita; Rog (71' Castro); Joao Pedro, Simeone (74' Cerri). All. Maran

Ammoniti: Rog (C), Allan (N)

Espulsi: Koulibaly all'88°

san paolo