Per il Liverpool, oltre all'ossessione di tornare a vincere la Premier League dopo il lontano trionfo del 1989-90, c'è anche quella dell'ex Coppa Intercontinentale meglio nota oggi come Mondiale per Club. Sembrerà strano, ma nella bacheca dei Reds è l'unico trofeo mancante.

Il Liverpool disputò la sua prima finale di Coppa Intercontinentale nel 1981. All'epoca si sfidavano la vincente della Copa Libertadores e quella della Champions League, a discapito dell'edizione moderna che è un vero e proprio mini torneo con squadre di tutto il mondo. Nella finalissima di Tokyo, ad avere la meglio fu il Flamengo di Zico che frantumò gli inglesi con un secco 3-0 firmato da una doppietta di Nunes e da un goal di Adilio. Tre anni dopo, nel 1984, altra sfida contro una sudamericana, questa volta contro gli argentini dell'Indipendiente, uno dei club più titolati al mondo. Sempre sotto il suggestivo calore giapponese, il Liverpool cadde nuovamente per mano del bomber Josè Percudani, uomo da 143 presenze e 43 reti.

Indipendiente Liverpool Flamengo Liverpool

Più recentemente, nel 2005, il Liverpool disputò il suo primo Mondiale per Club dopo aver scritto una delle pagine più emozionanti della storia del calcio. La disputa di quel torneo arrivò grazie alla Champions League vinta ad Istanbul contro il Milan. Da 3-0 per i rossoneri, a 3-3 per i ragazzi di Rafa Benitez. Reds sul tetto d'Europa per la quinta volta nella loro storia.

Siamo, dunque, alla seconda edizione del Mondiale per Club dopo l'esordio nel 2000, e il regolamento è totalmente diverso rispetto alla vecchia Coppa Intercontinentale. Partecipano le sei vincitrici delle rispettive competizioni continentali. I rappresentanti dell'Oceania, dell'Africa, dell'Asia e del Centro-Nord America si scontrano fra di loro nei Quarti di Finale. Le vincenti di queste sfide raggiungono in Semifinale le vincitrici della Champions League e della Copa Libertadores. Oltre alla Finale per il titolo si disputano gli incontri per il terzo e il quinto posto. 

Il Liverpool sfida in semifinale i costaricani del Deportivo Saprissa, vicendo per 3-0 con una doppietta di Crouch e un goal di Gerrard centrando la finalissima di Yokohama. Sarà la volta buona dopo i tentativi del 1981 e del 1984? Purtroppo no, perchè la squadra di Benitez perderà anche questa volta. Ad avere la meglio è il San Paolo dei vari Rogerio Ceni, Cicinho e Marcio Amoroso, ma a decidere il match è il centrocampista Mineiro.

Sao Paulo Liverpool

Prossimo tentativo in Qatar, luogo dove si terrà la 16ª edizione del Mondiale per Club. Sarà la volta buona? Solamente il campo potrà dircelo, fatto sta che questo Liverpool ha un potenziale incredibile per frantumare questa maledizione, un potenziale che va anche oltre le squadre che hanno fallito nel 1981, 1984 e 2005. Palla, dunque, ai ragazzi di Klopp.