Nella sfida ai play out, la Paganese affonda il Racing Fondi (2-1) nella gara di ritorno al Marcello Torre e conserva il calcio professionistico.

Davanti a 2000 spettatori “armati” di bandiere e striscioni e sostegno incessante, la troupe azzurrostellata capitanata da Francesco Scarpa ha superato l’esame alla grande.

Bastava anche un pareggio, ma la vittoria ha messo il sigillo di qualità alla doppia sfida.

Il Fondi è andato all’attacco nel primo tempo e la Paganese ha cercato di giocare il contropiede e sul finire Bensaja ha mancato il piatto destro per andare in gol.

Nella ripresa il tecnico Fabio De Sanzo, cambia a centrocampo Tascone per Nacci e le cose migliorano.

Però dopo poco il Fondi va in gol con Cutolo e gela il Torre. Lacrime di disperazione della tifoseria, per la possibile retrocessione in D, ma reagisce incoraggiando a gran voce i propri beniamini. De Sanzo fa entrare il campo l’attaccante Talamo e cambia modulo (dal 3-5-2 al 4-4-2). È la mossa vincente che porta al pari dopo 9’ la Paganese con l’attaccante Cesaretti che realizza a seguito di angolo battuto da Scarpa.

Poi il capitano sale in cattedra e affonda il Racing con una zuccata su altro angolo di Bensaja.

Gioia a mille degli sportivi paganesi e lacrime di gioia e gran festa.

di Salvatore Campitiello