A pochi giorni dalle elezioni del 4 marzo al Senato della repubblica ed alla Camera dei deputati si delinea un quadro rappresentato ampiamente dal centrodestra e dai pentastellati che hanno visto rispettivamente il successo elettorale di Maria Elisabetta Alberti Casellati e Roberto Fico.

Dopo le varie vicissitudini dei scorsi giorni si percepiva già  il dissenso del movimento sul nome di Paolo Romani proposto dal leader di Forza Italia Berlusconi diventa ufficiale la rappresentanza dei suddetti parlamentari, lei con 240 su 319 preferenze  e lui con 422 su 620. Dopo questo il dietrofront del presidente Centrodestra che rifiuta insindacabilmente il nome proposto dal M5S Riccardo Fraccaro  ex presidente della commissione di Vigilanza della Rai e sostanzialmente molto meno vicino di Fraccaro alla posizione di Di Maio.