Il 4 Marzo quasi il 73 % degli elettori italiani si sono pronunciati concedendo il proprio voto secondo le medesime ideologie coltivate nel tempo.

Il quadro che si è delineato sembra abbastanza chiaro, i giovani hanno espresso quasi totalmente la voglia di cambiamento manifestata dai Grillini attraverso le parole del leader Luigi Di Maio il quale resta fermo sulla posizione del Movimento e rassicura i suoi elettori e afferma  “Ora tutti dovranno prima parlare con noi”.

Risultato storico per La Lega che inaspettatamente si piazza alla guida del CDS determinando ampiamente il successo della coalizione con il 17,40 % dei voti superando Forza Italia del presidente Berlusconi e Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni.

Caduta vertiginosa del CSX che ha visto prima la scissione con Pietro Grasso che poco prima delle elezioni fondò Liberi e Uguali e poco dopo gli scrutini le dimissioni del leader del PD Matteo Renzi che attraverso il suo profilo Facebook ufficiale afferma: “ Le elezioni sono finite, il PD ha perso, occorre voltare pagina. Per questo lascio la guida del partito. “

Adesso si passa alle consultazioni ed inevitabilmente la palla passa al presidente della Repubblica Sergio Mattarella che si pronuncerà nei prossimi giorni.