Approda finalmente in Italia la famosissima catena mondiale, colosso della caffetteria. Dopo tanti dubbi e incertezze nel proporre uno stile del mondo della caffetteria abbastanza differente dalla "normalità" nostrana nazionale, si è giunti ad un compromesso. La scelta della sede di questo piccolo paradiso è ricaduta inevitabilmente su Milano, precisamente presso la piazza Cordusio. IMG_5316.jpg

Credits by: #Milanoroastery on Instagram.

L'inaugurazione, tenutasi il giorno 7 settembre, ha richiamato innumerevole attenzione mediatica proprio per la quantità di persone presenti e per i tempi di coda necessari per accedere all'interno del nuovissimo store, che tra l'altro, rispettando la cultura italiana, è incastonato in un meraviglioso palazzo, ex sede delle Poste. All'interno, Starbucks si presenta come un vero e proprio laboratorio a vista, nella sala centrale è presente un'enorme tostatrice di caffè, attiva h24.

 

Credits by: #Milanoroastery on Instagram.

Ma arriviamo al sodo, il fondatore di Starbucks, Howard Schultz ha deciso di unire la nostra tradizione del caffè ai principi del franchising, scegliendo una qualità di caffè nettamente superiore agli standard degli altri store, eliminando qualche voce famosa dal menu, ma aggiungendo un reparto cocktail per non abbandonare la cultura prettamente milanese dell'aperitivo. Non ci si aspetta, proprio per il prestigio della location, che i prezzi siano quelli di una comune caffetteria. Un caffè costa 1.80 euro, un cappuccino ne costa 4,50. Le degustazioni di caffè più particolari costano sui 14 euro, invece per gli alcolici si parte da un minimo di 8 euro, ad un massimo di 18 euro. Altra particolarissima novità stà nella scelta di non proporre tazzine per gustare il caffè, ma vere e proprie tazze di bronzo, che ne esalterebbero il gusto. 

 

Credits by: #Milanoroastery on Instagram.

 Insomma, non ci resta che vivere quest'esperienza di persona e assaporare un briciolo di mondo, tra le pareti di un palazzo che pullula di storia italiana.