Home Arte RINO: “Ad esempio a me piace il sud

RINO: “Ad esempio a me piace il sud

207
0
Un omaggio a Rino, esempio di cantautore libero e anticonformista

Oggi 29 ottobre nasceva Rino Gaetano ne avrebbe compiuti 72. Nato a Crotone in Calabria il 29 ottobre 1950 morì tragicamente in un incidente stradale il 2 giugno a Roma mentre percorreva via Nomentana invadendo la corsia opposta e andandosi a schiantare contro un camion. Ancora oggi la sua morte è avvolta dal mistero forse dovuta a un colpo di sonno, un malore, o qualcosa altro non si sa. Molti ancora si interrogano sulla sua morte come l’ avvocato campano Bruno Mautone che ha scritto 3 libri sui misteri della sua morte. Arrivato in coma al Policlinico Umberto I fu trasferito perchè doveva essere sottoposto ad un intervento di chirurgia cranica,ma fu rifiutato da ben 5 ospedali, già allora esisteva la Malasanità? Ricoverato al Gemelli alle sei del mattino spirò. In una sua canzone LA BALLATA DI RENZO ancora inedita quando Rino morì, il cantautore aveva fatalmente preannunciato come in una profezia la sua morte, anche se chi lavorava con il cantante ne conosceva l’esistenza al momento della sua morte. La canzone narrava di un giovane investito da un’auto anch’egli rifiutato da diversi ospedali per mancanza di posti. Forse anche quando Rino morì qualcuno era al bar a bere un caffè?

Erano gli anni ’80 chissà oggi cosa avrebbe scritto nelle sue canzoni

Un cantautore anticonformista, poco amato dalla politica e dai politici, con quella sua beffarda ironia, goliardico e scherzoso affrontava temi sociali, nato al sud, difendeva il sud e fu definito da qualcuno il Grillo parlante, a difesa degli sfruttati, dei malpagati, degli emigranti, denunciando le contraddizioni sociali con ” SPENDI SPANDI EFFENDI” cantava di emigrazione con ” E Cantava le canzoni”. Quanto avresti da scrivere oggi e farci cantare. Nelle sue canzoni che sembravano canzoncine in vita, non fu mai premiato dalla critica e dai giornalisti. Alcune canzoni furono anche censurate, ci sono citazioni storiche e significati che lanciavano messaggi, forse perché all’epoca era considerato un cantante scomodo.

Un cantante bravo, bello, dallo sguardo ironico e simpatico. Ancora oggi ci entusiasma con le sue canzoni: “A mano a mano, Gianna, Aida, Berta filava, Nunterreggae più. Un artista estroverso morto troppo giovane. Che ti arrivino al cielo gli auguri di chi continua ad amarti con queste note… MA IL CIELO E’ SEMPRE PIU’ BLU.

Questo cielo di stamane è per te.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui