Home Enogastronomia VALENTINO LIBRO: UN GIOVANE SOGNATORE CHE PUNTA IN ALTO

VALENTINO LIBRO: UN GIOVANE SOGNATORE CHE PUNTA IN ALTO

570
0

Il mondo che evolve, le sfide continue della vita, le passioni, le aspettative e le speranze, ogni essere umano ha bisogno di cacciare tutta la forza, l’energia e la grinta per riuscire ad emergere. 

Valentino Libro è un giovane sognatore con tutte le carte in regola. 

Classe ’86, a 13 anni inizia a lavorare in pizzeria diventando dopo solo 5 anni primo pizzaiolo. Negli anni si è impegnato e la sua dedizione, la sua passione l’hanno portato a raggiungere traguardi importanti: nel 2013 diventa Campione Intercontinentale, nel 2014 Campione Mondiale, nel 2016 riceve il premio per la Migliore Ricetta Gourmet Milano con “Acqua di Chef”, nel 2019 riceve il premio “Eccellenza Italiana” nella manifestazione tenutasi a Washington DC. 
Queste solo alcune delle vittorie di Valentino.

Oggi Valentino è titolare di ben due locali, uno ad Aversa in provincia di Caserta e uno a Marano in provincia di Napoli. Insomma Valentino ci ha creduto e ha scelto la sua terra, la Campania. Ad Aversa soprattutto, insieme al socio Jonny Marzocchella, la pizzeria “LIBROS COOL pizzeria alCOOLica” dà tantissime soddisfazioni riuscendo a far vivere al cliente, o meglio all’ospite, esperienze poliedriche fatte di qualità, professionalità, inventiva, un luogo dove si può mangiare un’ottima pizza.

Da qualche tempo Valentino punta ancora più in alto aggiungendo al suo percorso anche un brio di alto livello, quello delle bollicine francesi, appassionandosi allo Champagne.

In una breve intervista, Valentino ci racconta di sé e di ciò che sta facendo nel mondo della ristorazione e non solo.

Valentino, come nascono le tue idee imprenditoriali? 

Nascono da una visione, da un desiderio. Non ho mai voluto fare cose che rimanessero classificate come ‘normali’, ho sempre voluto regalare ai miei clienti qualcosa di nuovo. Mi metto costantemente in discussione, anche perché, quando sei considerato tra i migliori, bisogna dimostrarlo sempre. 

Attualmente quali sono le attività a cui ti stai dedicando? 

Mi dedico principalmente ai miei locali di Aversa e Marano.
Sto facendo un lavoro di Personal branding su Instagram per quanto riguarda il concetto dello Champagne. In futuro ho intenzione di diventare sommelier. A breve mi dedicherò anche ad un business online. Voglio imparare e conoscere cose sempre nuove. Voglio coltivare nuove passioni.

Sei un amante delle bollicine. Da cosa nasce questa passione?

Il periodo del lockdown da Covid è stato un momento distruttivo per la mia salute mentale. Io però continuavo a pensare a quando tutto sarebbe tornato alla normalità. Avevo intenzione di alzare il livello. E come se non con lo Champagne? Mi sono appassionato anche alla tecnica del sabrage e ogni volta che si presenta l’occasione sciabolo qualche bottiglia. Mi diverte.

Nei tuoi locali quali tipologie di bollicine vengono maggiormente apprezzate dal cliente? 

E secondo te perché? Dipende dalla zona. Ad Aversa le persone cercano qualcosa che sia più di nicchia, mentre a Marano gli ospiti chiedono qualcosa anche di più noto, di più commerciale.

Da quello che hai potuto riscontrare, le persone sono incuriosite dal mondo delle bollicine? 

La bollicina è un’occasione anche per festeggiare un traguardo. A prescindere da tutto credo che un pò tutti siano incuriositi dal mondo del vino e delle bollicine.

Quali sono i traguardi raggiunti, e quali sono gli obiettivi futuri? 

I traguardi raggiunti sono stati veramente tanti. Sono riuscito ad emergere dal nulla, dalla vittoria del campionato la mia vita è cambiata, ho acquisito ancora più fiducia in me stesso, e così poi ho vinto ancora. Ho partecipato a trasmissioni televisive, ospitate in tante radio, sono stato co-organizzatore di eventi importanti, ho fatto delle uscite su riviste internazionali. Insomma non posso proprio lamentarmi. In futuro? Non saprei rispondere. Dopo la pandemia la mia visione è un pò cambiata,  ho capito che esistono fattori esterni che possono cambiare le carte in tavola. Oggi mi dedico al presente cercando di fare bene. Ogni volta che potrò farò nuovi investimenti, questa volta all’estero dove ho viaggiato e vissuto. All’estero poter realizzare cose importanti non è così complesso come a casa nostra. Quello che ho riscontrato nel corso di questi anni è che all’estero emergi in tre anni, in Italia ce ne vogliono molti di più e il risultato resta comunque in dubbio. Noi italiani all’estero veniamo trattati con molto più rispetto. 

Valentino sta ricostruendo la sua vita con tanta voglia di migliorarsi e fare sempre meglio. Nel corso degli ultimi anni è diventato anche papà di Sofia Libro, e questo lo spinge a desiderare che la figlia sia sempre orgogliosa di lui. 

La voglia di fare questo lavoro è sempre la stessa da quando ho iniziato il mio percorso lavorativo. A volte cala l’entusiasmo o l’intensità, ma è fisiologico. Ogni qual volta ci sarà qualcosa di bello da realizzare io lo farò almeno fino a quando ne avrò la forza.

Grazie Valentino per averci dedicato parte del tuo tempo e per averci trasmesso la tua grinta.

Noi di Resportage ti facciamo i nostri migliori auguri e un grandissimo in bocca al lupo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui