Home Arte Mostra di Silvia Cammarota: L’occhio interminabile, lo specchio tra anamorfi ed iride

Mostra di Silvia Cammarota: L’occhio interminabile, lo specchio tra anamorfi ed iride

175
0

 Salerno:L’occhio di Silvia sul mondo: La pittura che cattura lo sguardo. L’Occhio Interminabile sarà curata da Di Giacomo-Lamberti. Al via il 28 dicembre presso il museo Papi di Salerno (via Trotula de Ruggiero, 23) dal 28 dicembre al 23 gennaio. L’evento è patrocinato dalla fondazione Scuola Medica Salernitana e Cooperativa Galahad.

Il ticket d’accesso (al prezzo di 1,50 €) garantisce, inoltre, la visita alle sale museali: la struttura espone la più ricca collezione di strumenti medico-chirurgici dell’Ottocento e Novecento. L’esposizione sarà curata da Carmensara Di Giacomo e Michela Lamberti. Per l’artista si tratta di una riconferma dopo le prime uscite a Castelnuovo Cilento e a Casalnuovo di Napoli, le quali hanno destato pareri positivi tra addetti ai lavori e visitatori.

L’evento in sé è stato organizzato all’interno delle sale museali insieme all’esposizione stessa del museo. L’idea di questa esposizione è nata insieme alle due curatrici, unendo la ricerca all’arte al contempo creando un rapporto unanime. Facendo si che l’osservatore sia incuriosito nel visitare la mostra all’interno delle sale.

 Il museo in sé è un museo storico, il quale crea l’atmosfera giusta per la mia ricerca artisticaartistica

Il pensiero di una delle curatrici della mostra, Carmensara Di Giacomo:


Carmensa Di Giacomo e Silvia Cammarota

“Occupandomi della cura di questa mostra, e avendo una formazione alle spalle storico-artistica, posso dire che si tratta di opere di un certo spessore, intrise di studio, talento e tanta passione da parte dell’artista, ed è più che un onore accogliere tale mostra in un piccolo museo, non molto conosciuto, come il Papi. Spero che possa dare la spinta per altri eventi di questo tipo, tentando di dar luce a piccole realtà come questa, ma anche per dare maggiore visibilità ad artisti emergenti come Silvia Cammarota, grande talento del salernitano”.

Biografia

Silvia Cammarota, nata il 14 Gennaio del 96 a Monaco di Baviera. Formazione avvenuta inizialmente presso il Liceo Artistico Sabatini-Menna con sede a Salerno, dove ne ha conseguito il diploma nell’anno 2015.

 Originaria di Castelnuovo Cilento, si trasferisce a Napoli per frequentare l’Accademia di Belle Arti, dove ha conseguito il primo e secondo livello di arti figurative. La pittura è un indole che porta avanti sin da tenera età ed i suoi studi hanno contribuito molto alla sua crescita artistica.

Nella prima edizione del 2019 dell’Auser in Luce il 10/01/2020 ha vinto il primo posto per

La sezione Arte, organizzata dalla Curatrice Anna De Rosa presso il Palazzo della

Provincia di Salerno, il quale era in mostra nel codesto Palazzo dal 5 dicembre 2019 sino

Al 10 gennaio 2020

Ella ha partecipato ad una prima mostra collettiva presso il proprio commune,

Castelnuovo Cilento, dal 19 al 21 luglio 2013, con I suoi primi lavori. La mostra successiva

Alla quale ha partecipato è stata a Salerno presso la Fornace il 7 maggio 2015,

chiamatasi “Le Colonne Tatuate”. In seguito è stata selezionata per la realizzazzione di

un Murales, tramite l’Accademia di Belle Arti , alla Galleria di Forio D’Ischia a cura di

Forio Street Art su di una parete di 5×6 metri. Il 7/02/2020 ha esposto alla Mostra “A

Civiltà Perdut” a cura di Ferdinando Sorrentino, Palazzo Lancellotti Casalnuovo di Napoli.

Alcune sue opere sono state pubblicate sulla rivista “Artisti in vetrina” il 12

Dicembre 2020, ed infine ha partecipato al Premio Artista D’Italia, Barletta 27 Agosto 2021.

Mostra: “L’occhio interminabile: lo specchio tra anamorfosi e iride”

Le sue opere sono improntate sull’espressione dello sguardo, come lo studio dettagliato dell’iride, inteso come specchio dell’anima e che ha sempre affascinata ed ispirata. Vi è uno studio sui dettagli poiché sono essi a fare la differenza. Catturare lo sguardo e far soffermare l’osservatore, è ciò che vuole suscitare con le sue opere.  L’apertura della mostra si terrà il 28 dicembre alle ore 16. 30 e la mostra proseguirà sino al 23 gennaio, organizzata all’interno del museo Roberto Papi a Salerno con l’aiuto delle curatrici Carmensara Di Giacomo e Michela Lamberti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui