Home Foto Valentino Rossi annuncia, smetto a fine stagione

Valentino Rossi annuncia, smetto a fine stagione

129
0

Il ‘dottore’ lascia le competizioni dopo 25 anni

Quando fai della tua vita un capolavoro, è difficile dare l’ultima pennellata, scrivere l’ultima riga, pronunciare una frase memorabile e prendere la porta e andartene via. Il rischio è quello di non essere all’altezza, di rovinare tutto con un finale banale.

Non si scappa, chiudere una carriera con la medesima intensità di come la si è vissuta è difficilissimo, quasi impossibile. Non ci sono riusciti Muhammed Alì, Maradona, Tyson, Schumacher. La lista è interminabile e testimonia la difficoltà di scendere dalla nuvola.

Semplicemente non ce la si fa. Perché è difficile cambiare vita, quasi quanto dire ad una donna che si è amato che è finita. Dove la porterà la vita senza di noi? Chi incontrerà? Sarà felice?

Perché, confessiamocelo, ci sembra veramente impossibile, alla fine di una storia, non esserne più parte. Che comunque quella storia continuerà senza di noi.

“E’ stato un lungo, lungo viaggio”, ha detto Valentino ma a noi, più che altro, è sembrato un lungo, lungo addio che avrebbe bisogno della penna di Raymond Chandler per essere raccontato.

Una storia di un personaggio di grande spessore che si è mostrato nel corso della carriera con moltissime facce, da sorridente a ferocemente ironica per finire poi di avere sul volto una impressione di struggente malinconia. Per questo ciò che ci ha stupito di più non sono state le sue parole, ma che le abbia pronunciate senza il minimo accenno di emozione nella voce.

Pianse, Kevin Schwantz quando annunciò il suo ritiro al Mugello, trascinando con sé nell’emozione tutti i suoi tifosi, mentre Rossi non ha versato una lacrima. Una cosa che non avremmo mai immaginato, come non avremmo mai pensato che il suo addio sarebbe arrivato di fronte ad una sala praticamente vuota. Solo l’occhio freddo della telecamera a seguirlo e, certo, tutti noi dietro gli schermi dei computer. Un segno dei tempi, di questi tempi che ci hanno privato del contatto umano e che certo non sono l’ideale per scrivere storie.

Così non ci resta che immaginarcelo, Vale, che si allontana sulle strade polverose che portano a Tavullia pensando a cosa fare del suo futuro, ora. Non alla guida della sua Ferrari targata VR46 ma, più probabilmente, della Apecar con cui ha scorazzato con Francesca pochi giorni fa. Forse è stato allora che ha deciso che era il momento giusto per fermarsi, quando il riferimento giusto per fermarsi, gli era già sfrecciato nella visione laterale anni fa. Come quando si capisce che si è arrivati lunghi e non c’è proprio più nulla da fare. Se non provare a fermarsi senza farsi male.

Ecco alcune delle sue dichiarazioni:

“Ho deciso di fermarmi alla fine della stagione. Questa sarà l’ultima metà stagione come pilota di Moto Gp”.

“Mi dispiace un sacco, avrei voluto correre altri 20-25 anni ma purtroppo non è possibile. Però è stato bello, ci sono stati momenti indimenticabili in cui mi sono divertito un sacco, questo me la porterò sempre. Dall’anno prossimo la mia vita cambierà. Non correrò con la moto, una cosa che ho fatto più o meno per gli ultimi 30 anni, è stato molto, molto bello”. Così Valentino Rossi ha annunciato il suo ritiro.

“Adoro correre con le macchine, forse appena meno che con le moto. Penso che correrò con le macchine ma è ancora un processo in corso. Non c’è alcuna decisione presa, io mi sento un pilota in moto o in macchina e lo resterò per tutta la vita. Magari non allo stesso livello ma penso che correrò comunque”. Lo ha detto Valentino Rossi parlando del suo futuro dopo l’annuncio dell’addio alle corse da motociclista.

“È stata una decisone difficile ma bisogna comprendere che in tutti gli sport i risultati fanno la differenza. Penso sia la strada giusta. Quando ho iniziato il campionato volevo continuare, ma bisognava capire se ero abbastanza veloce e nel corso della stagione i risultati sono stati inferiori alle aspettative”. Così Valentino Rossi ha spiegato la scelta di ritirarsi dalle corse in moto. “Non sono felice, ma anche se dovessi fare un altro anno, l’anno prossimo non sarei contento. È stato difficile perché avrei l’opportunità di gareggiare con il mio team, con mio fratello, mi sarebbe piaciuto ma va bene così, credo – ha aggiunto il 9 volte campione del mondo -. Abbiamo ancora metà stagione, sarà più difficile quando si arriverà all’ultima gara”. Parlando della sua carriera, Rossi ha ammesso un solo rimpianto: “Sono un po’ triste di non aver vinto il decimo campionato, perché lo meritavo, ho perso due volte all’ultima gara. Ma non posso cerro lamentarmi della mia carriera”. 


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui