Home Enogastronomia Languorino pasquale

Languorino pasquale

117
0

“Ambrogio”…“avverto un leggero languorino”

Così recitava una famosa pubblicità degli anni ’90.

Ecco, questo è il mio stato attuale, il languorino che chiama, perché si sa, le mangiate delle feste non fanno altro che fare avere continuamente fame.

E allora ho pensato di fare un aperitivo pasquale, così per soddisfare il mio “leggero” languorino.

La produzione è homemade, fatta a casa mia con le mie manine, ma la ricetta prende spunto da una cucina stellata tutta napoletana.

Casatiello e rosato nostrano.

Sul primo non mi soffermo perché ne abbiamo sicuramente già letto.

Rimango in Campania per l’abbinamento enologico, una voglia matta di aprire questo rosato che avevo in cantina: Costacielo Rosato IGT annata 2018, 100% Aglianico.

Casatiello homemade e Costacielo Rosato IGT 2018

Il colore è un rosa davvero intenso, naso floreale e fruttato, si riconosce la rosa, la fragola, le fragoline di bosco, il melagrana. In bocca è fresco, leggermente tannico, con un accenno sapido e minerale.

Si parte dai Monti Picentini, con vista sul Golfo di Salerno, qui tra i 120 e i 300 m.s.l.m. nel Comune di Giffoni Valle Piana in provincia di Salerno, dove troviamo Lunarossa Vini e Passione di Mario Mazzitelli. Un’azienda di circa 5 ettari vitati regimentati a conduzione biologica.

I terreni totalmente argillosi protetti dalle montagne e che giovano della vicinanza al mare, trovano il connubio perfetto per dei risultati al calice davvero ottimi qualitativamente parlando.

Una chicca tutta campana.

Costacielo Rosato IGT 2018

Solo uve aglianico raccolte a fine agosto, inizio settembre, mi raccontava una volta Mario Mazzitelli in una chiacchierata telefonica, poiché in questo modo l’uva non risulta essere totalmente colorata, e la scelta va di pari passo con il fatto che l’aglianico subito cede il colore, quindi è davvero complicato fare un rosato di solo aglianico. Le uve poi fanno una breve macerazione sulle bucce, e una volta terminata la fermentazione alcolica, viene trasferito il tutto in anfora (fuori terra) per circa 6 mesi a completamento della maturazione.

Io adoro questo vino, ogni sorso ne richiama subito un altro, e tra un morso al casatiello e un sorso di Costacielo Rosato il languorino è decisamente soddisfatto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui