Home Arte Gli apostoli ritrovati, al Castello del Buonconsiglio

Gli apostoli ritrovati, al Castello del Buonconsiglio

60
0

LA RUBRICA DELL’ARTE, ALLA SCOPERTA DEI MUSEI ITALIANI

In questo nuovo articolo della rubrica dedicata all’arte italiana, ci spostiamo in Trentino e più precisamente al Castello del Buonconsiglio di Trento. Uno dei maggiori complessi monumentali della regione, è stato a lungo la residenza dei principi vescovi e presenta nella sua struttura un’aggregazione plurisecolare di stili diversi. La parte più antica è di gusto romanico, in una fase successiva sono stati aggiunti la merlatura e il loggiato in gusto gotico-veneziano. Barocca è invece la Giunta Albertiana, una struttura voluta dal Vescovo Francesco Alberti Poia. 

Al suo interno ospita ancora oggi gli straordinari affreschi del “Ciclo dei Mesi”, realizzati nella cosiddetta “Torre Aquila”, e numerose mostre. Oggi vi propongo “Gli apostoli ritrovati. Capolavori dall’antica residenza dei Principi vescovi”, curata da Giuseppe Sava.

Sarà possibile visitarla, ora virtualmente, fino al 5 aprile 2021, direttamente da una delle sale più suggestive del castello, ovvero la sala del Torrion da Basso. Purtroppo infatti, sempre a causa della pandemia, non sarà possibile fruire di persona di questa mostra, ma proprio per questo è stata creata una splendida rassegna di brevi video, realizzati direttamente dai curatori museali, sotto la regia di Alessandro Ferrini. 

Questa mostra è volta a celebrare il ritrovamento di due magnifiche sculture seicentesche, appartenute al principe vescovo, da parte di Giuseppe Sava. L’affermato storico dell’arte trentino ha riconosciuto queste statue apparse sul mercato antiquario milanese, di cui si era persa ogni traccia. Esse, raffiguranti gli apostolo Paolo e Filippo, erano state conservate nella dimora del principe vescovo al Castello del Buonconsiglio fino al 1803. In seguito, nel 1875, furono esposte assieme ad altre sei statuette in bronzo dorato provenienti dalla collezione di Villa Consolati. Ma in seguito, di queste due statue si erano perse le tracce. 

È stato sempre l’intervento di carattere storico artistico di Giuseppe Sava, a identificare Nicolò Roccatagliata come autore delle statue. Egli infatti lavorò per il principe vescovo Madruzzo nei primi anni del Seicento. 

FOTO FORNITA DALLO STAFF DEL CASTELLO DEL BUONCONSIGLIO

Chiunque fosse interessato a scoprire la meraviglia di queste preziose statue e della loro storia, potrà accedere direttamente a questo link: https://www.buonconsiglio.it/index.php/Castello-del-Buonconsiglio/attivita/Attivita-del-museo/A-TU-PER-TU

Le immagini e le informazioni contenute in questo articolo sono state gentilmente fornite direttamente dallo staff del Castello del Buonconsiglio, che ringrazio per la gentilezza e la disponibilità. Quindi consiglio a tutti voi di visitare il loro sito e di partecipare attivamente alle mostre proposte!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui