Home Attualità Nocera Superiore Pucciano: Fabbricati pericolanti il Comune interviene

Nocera Superiore Pucciano: Fabbricati pericolanti il Comune interviene

789
0

Prevista per domani la demolizione dell’immobile a Petraro Pucciano

FABBRICATI PERICOLANTI: IL COMUNE INTERVIENE IN DANNO DEI PRIVATI

Domani 18 Marzo previsto sul territorio nocerino il secondo intervento di demolizione dopo l’edificio in località Fiumarello

NOCERA SUPERIORE. Sono previsti per domattina i lavori di demolizione e messa in sicurezza del fabbricato pericolante che si trova in località Petraro Pucciano. L’esecuzione dell’intervento sarà eseguito in danno degli undici comproprietari destinatari di Ordinanza da parte del sindaco e risultati inottemperanti alle prescrizioni elencate nel provvedimento a seguito di perizia da parte dell’Ufficio Tecnico Comunale.

Si tratta del secondo intervento di demolizione e messa in sicurezza che il Comune di Nocera Superiore si fa carico nel giro di quindici giorni. Dopo l’edificio pericolante in località Fiumarello, domani, giovedì 18 marzo, toccherà allo stabile abbandonato di Petraro Pucciano.
Nel dettaglio i lavori urgenti di messa in sicurezza prevedono la demolizione delle parti a sbalzo dell’immobile (scale e terrazzi).

«Preferiremmo utilizzare queste somme stanziate per implementare i servizi al cittadino o per le politiche sociali – sottolinea il sindaco Giovanni Maria Cuofano – ma di fronte alla pubblica incolumità abbiamo l’obbligo di farci carico della messa in sicurezza dei fabbricanti fatiscenti ritenuti pericolosi. Anche in questo caso agiremo in danno dei proprietari dopo aver provveduto ad emettere Ordinanza nei loro confronti: provvedimento, poi, disatteso. Una maggiore attenzione e manutenzione da parte dei privati eviterebbe che l’incuria e l’abbandono renda gli stabili storici insicuri per la pubblica incolumità e costringa l’Ente a sostituirsi ai proprietari. Ci auspichiamo – conclude il primo cittadino – che i privati d’ora innanzi possano valorizzare questi manufatti, molti dei quali inseriti nei centri storici, rigenerandoli anziché costringere il Comune ad abbatterli».

Articolo precedenteLe aziende del Made in Italy – Dal 1926 ad oggi – ITALGLOVES
Articolo successivoLazio, all’Allianz per un’impresa quasi im(possibile)
Anna Rubino,campana e celiaca DOC. Sono giornalista pubblicista,amo il mondo della ristorazione a 360 gradi.Amovivereglutenfree è il mio Mood ed il mio klaim "vivere felicemente"la celiachia .Grazie ad "amovivereglutenfree ho l'opportunità di organizzare Open Day educativi e formativi presso gli istituti alberghieri per affrontare il tema dell'emarginazione culinaria che colpisce soprattutto la fascia adolescenziale subendo spesso bullismo ed emarginazione. Vivo di pizza,sono giudice ai campionati di pizza nella categoria "senza glutine"Appassionata del Festival di Sanremo che vivo in modo viscerale instaurando amicizie indelebili durature usando l' espressione "Ciò che Sanremo unisce la vita non divide" nel frattempo buongiornissimoooooo GLUTENFREE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui