Home Foto Maritozzo quaresimale glutenfree a tavola con le tradizioni della signora Lazio e...

Maritozzo quaresimale glutenfree a tavola con le tradizioni della signora Lazio e la Sicilia bedda

978
0

Storie di donne glutenfree

Resportage presenta ai suoi lettori Stefania.A tu per tu con una donna, che vive quotidianamente la celiachia delle sue figlie. Si racconta e ci racconta la sua passione, la sua cucina e le ricette tipiche del periodo quaresimale. Buona lettura glutenfree ed annotate le ricette…

“Sono una mamma con due figlie celiache sempre ai fornelli tra lavoro, casa e famiglia.
Amo preparare dolci, adoro il tè e le porcellane inglesi.
Improvvisata cuoca gluten free, da circa 20 anni ho trasformato la mia cucina rendendola totalmente senza glutine.
La scelta di creare una pagina Instagram è stata di mia figlia Giulia che mi supporta quotidianamente e che ringrazio di cuore.
Condivido con piacere i miei piatti e le mie ricette che sono di cucina quotidiana e che possono essere facilmente replicabili anche da persone meno esperte o da chi è alle prese da poco con la cucina gluten free.
Durante la Quaresima ci sono dei piatti che preparo ogni anno e che sono tipici di questo periodo. Infatti, lasciato il “periodo grasso” del Carnevale ci troviamo nel “periodo magro” dove la cucina si limita nei grassi, nel consumo di carne e nei dolci stragolosi.
Nelle Regioni d’Italia le tradizioni variano con ricette davvero interessanti.
A Roma nel periodo della Quaresima troviamo il maritozzo quaresimale, un dolce non dolce simile al maritozzo con la panna, tipico dolce romano e molto conosciuto che in questo periodo di magra si prepara impoverito di alcuni ingredienti quali burro, uova e panna per dare vita al maritozzo quaresimale.
Devo dire che questa versione del maritozzo romano mi piace tantissimo anche se quella ricca di panna e di burro che troviamo in tutte le pasticcerie romane ha un posto speciale nel mio cuore perché è quello che adorava mia madre.
Tornando al maritozzo quaresimale, tante sono le storie legate a questo dolce. Sembrerebbe che nell’antica Roma fosse il dolce degli innamorati che veniva scambiato tra fidanzati il primo venerdì di marzo, il nostro attuale San Valentino, come pegno d’amore. Da qui il nome maritozzo che celebra così con questo particolare dolcetto l’antica festa dell’amore e la citta di Roma, la mia città, che custodisce antichissime tradizioni.”

Ricetta maritozzo quaresimale

Ricetta del “Maritozzo quaresimale gluten free”
Ingredienti
500 gr farina gluten free
400 gr acqua tiepida
50 gr olio EVO
2 cucchiai di zucchero
10 gr di lievito secco + un cucchiaino di zucchero
Un pizzico di sale
60 gr di pinoli
50 gr di cedro candito
80 gr di uvetta
Procedimento
In una grande ciotola sciogliere il lievito secco ed un cucchiaino di zucchero nell’acqua tiepida. Aggiungere la farina, l’olio EVO, lo zucchero ed il sale fino. Impastare tutti gli ingredienti e formare una pasta morbida che dovrà lievitare per circa un’ora coperta con un panno in un luogo caldo fino a raddoppiare di volume.
Trascorso il tempo di lievitazione incorporare all’impasto i pinoli, l’uvetta precedentemente ammorbidita in acqua tiepida ed il cedro candito. Lavorare l’impasto dandogli una forma allungata e ritagliare dei pezzi di pasta del peso di 90 gr ciascuno.
Modellare i maritozzi dandogli una forma leggermente ovale e metterli in una teglia foderata di carta forno e distanziati tra di loro.
Coprire i maritozzi con un panno e lasciarli lievitare almeno un’altra ora o fino a quando saranno gonfi e raddoppiati di volume.
Cuocere i maritozzi a 180° in forno statico e preriscaldato per circa 15/20 minuti.
Sciogliere in poca acqua un cucchiaio di zucchero e dopo la cottura spennellarvi i maritozzi per lucidarli leggermente.

La pasta con le sarde ci porta in Sicilia

Ma c’è un altro piatto che amo particolarmente e che è sempre legato alle mie origini in parte siciliane e cioè la pasta con le sarde.
In Sicilia durante il periodo della Quaresima il pesce è il vero protagonista e questo piatto dall’aspetto povero in realtà non lo è affatto considerata l’aggiunta di uvetta,  pinoli e zafferano.
In alcune parti Sicilia viene aggiunta anche della mollica di pane.
Preparo questo piatto seguendo le indicazioni della mia cara cugina Sara in cui vengono sostituite le sarde con le alici solo per un gusto personale.
Ricetta pasta “gluten free” con le alici alla siciliana
Ingredienti
300 gr di spaghetti gluten free
Un mazzo di finocchietto selvatico
300 gr di alici fresche
6 filetti di acciuga sott’olio
Uno spicchio di aglio
Una cipolletta fresca
2 cucchiai di pinoli
2 cucchiai di uvetta
Olio EVO
Sale e pepe q.b.

Procedimento
Lavare il finocchietto selvatico e lessarlo in una pentola con abbondante acqua salata.
Preparare le alici fresche e pulirle riducendole in filetti.
In una larga padella mettere a soffriggere la cipolletta fresca tagliata a fettine sottilissime, lo spicchio d’aglio ed i filetti di acciuga sott’olio.  Non appena la cipolla risulterà appassita aggiungere i pinoli, l’uvetta precedentemente ammorbidita in acqua tiepida, il finocchietto selvatico, sale e pepe q.b.
Tenere da parte un mestolo di acqua di cottura del finocchietto ed aggiungerla al condimento insieme alle alici fresche. Tenere sul fuoco per alcuni minuti.
Cuocere gli spaghetti gluten free nell’acqua di cottura del finocchietto selvatico e versarli nella padella insieme al condimento .
Lasciarli insaporire per qualche minuto e servirli ben caldi.

Su instagram: r. Stefania65

https://instagram.com/r.stefania65?igshid=12fnut03bossb

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui