Home Senza categoria Fiorentina-Spezia apre il turno di Serie A: l’analisi dei primi match

Fiorentina-Spezia apre il turno di Serie A: l’analisi dei primi match

59
0
during the Serie A match between AS Roma and SSC Napoli at Stadio Olimpico on November 2, 2019 in Rome, Italy.

Uno scontro di “bassa” classifica apre la ventitreesima giornata di Serie A, un match delicato per entrambe le squadre che daranno battaglia per il bottino pieno in campo.

La Fiorentina deve uscire inevitabilmente da una zona di classifica pericolosa e da un periodo negativo con ben un pareggio e due sconfitta di fila nelle ultime tre sfide disputate in campionato. Altro discorso per la sorpresa Spezia di mister Italiano, galvanizzato dalla vittoria importantissima quanto inaspettata contro il Milan di Pioli e Zlatan Ibrahimovic.

E’ una sfida tra due compagini che vengono, dunque, da momenti di forma completamente differenti: fuori ancora nei viola Ribery, vittima di continui infortuni in questa sua esperienza italiana. Toccherà ancora a Vlahovic guidare i suoi a suon di goal. Nello Spezia recupero in vista per M’Bala Nzola, che ad ogni modo è ancora in fase di recupero come Galabinov. Agudelo e Gyasi da tenere sotto controllo per la retroguardia fiorentina che si affiderà anche alla voglia di rivalsa di Kouamè.

Altra sfida letteralmente delicatissima è quella in programma alle 20.45 tra Cagliari e Torino, due team in netta difficoltà nella prima parte di stagione che si trovano a bazzicare inaspettatamente nella zona retrocessione. Da una parte Joao Pedro e Simeone, dall’altra il gallo Belotti dovranno indirizzare il match da una parte o dall’altra. Ai sardi manca la vittoria dal match contro la Sampdoria, addirittura dunque dal 7 novembre. E’ crisi nera per Di Francesco al quale è stata comunque confermata la fiducia ad oltranza.

Il Toro di Nicola ha invece assunto uno spirito di squadra coeso e tenace, come si è visto in maniera emblematica nella clamorosa rimonta a Bergamo contro l’Atalanta da 3-0 a 3-3. Diversi pareggi però non consentono l’uscita da una posizione molto calda, servono i tre punti. E’ la classica sfida salvezza.

Lazio-Sampdoria apre il quadro delle sfide di domani alle 15, con i biancocelesti che vorranno riscattarsi dopo la sconfitta a San Siro contro l’Inter capolista. Occasione da sfruttare visto anche il big match del derby proprio tra i nerazzurri e il Milan da una parte e la partita tra Atalanta e Napoli di domenica. La Sampdoria di Ranieri è però una squadra ostica e spesso ha messo in difficoltà anche big del campionato, non sarà la classica passeggiata per essere chiari.

Genoa-Verona delle 18 è la sfida delle sorprese di questo campionato, anche se per la squadra di Juric si potrebbe parlare di una conferma visti gli ottimi risultati già ottenuti la scorsa stagione dalla squadra scaligera. I padroni di casa vengono da una rivoluzione completa con il ritorno per la sesta volta di Ballardini sulla panchina genoana, richiamato prontamente da Preziosi.

Chiude il quadro di questi due primi giorni di partite il derby emiliano-romagnolo delle 20:45, in onda su Dazn, tra Sassuolo e Bologna. I derby sono sempre partite molto sentite e domani sera al Mapei Stadium si affronteranno due squadre che segnano sempre molti goal e al contempo concedono molto in fase difensiva. I padroni di casa saranno guidati dalla ritrovata via del goal di Francesco detto Ciccio Caputo e da un ritrovato Domenico Berardi, gli stessi uomini andati in rete nell’ultima sfida contro il Crotone in trasferta.

Per gli uomini di Mihajlović non sarà facile competere contro uno degli attacchi più prolifici della Serie A e degli ultimi anni, ma potranno contare sulle ultime ottime prestazioni di Musa Barrow e Nicola Sansone, che hanno ritrovato la verve e l’autostima per incidere sempre di più.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui