Home Attualità Santa Lucia, nu pass’ e gallina Sant’Aniello, nu pass’ e pecuriello

Santa Lucia, nu pass’ e gallina Sant’Aniello, nu pass’ e pecuriello

581
0


Sant’Aniello

14 Dicembre Festa popolare detta “Fucarija” o fucarina,come per Santa Lucia anche nel giorno di Sant’Aniello nei cortili e negli slarghi si prepara un grande falò alimentato da cose vecchie combustibili come imballaggi, mobili rotti, sedie spagliate,cassette. Nel giorno di Sant’Aniello/Agnello santo campano, i mariti delle donne incinte non devono fare assolutamente nulla, neanche allacciarsi le scarpe. Tempo fa (ma ancora oggi nell’Agro nocerino sarnese vige l’usanza) che le faccende di casa vengano fatte dai parenti “stretti” della coppia compreso rifare il letto. La tradizione rinnovera il rito di andare a messa soprattutto per le coppie in dolce attesa. A Sant’Aniello le donne incinte infatti non devono usare “né frobbecei e né curtiell” (né forbici e né coltelli) poiché può accadere che il neonato possa nascere con qualche arto mancante o qualche orecchio tagliato. Sant’Aniello è identificato come un santo potente, in aiuto alle partorienti, ma anche un Santo molto “puntiglioso” e “vendicativo”. “Dicette Santa Lucia: E me feratevenne, e fratemo Aniello tremmatevenne” ovvero, “disse Santa Lucia: di me non vi preoccupate, di mio fratello Agnello tremate”. Un antico detto popolare dice: “Santa Lucia, nu pass’ e gallina Sant’Aniello, nu pass’ e pecuriello”. Accade che il sole fa un piccolo passo sull’ orizzonte e annuncia il prossimo inizio del cammino, pur lungo e lento, verso il bel tempo e il raccolto. Con l’arrivo di Sant’Aniello finalmente si allungano le giornate per la gioia dei contadini.

 

Fonte:Gerardo Sinatore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui