Home Eventi Tradizioni arcaiche: la barca di San Pietro

Tradizioni arcaiche: la barca di San Pietro

142
0




Tradizioni arcaiche, usanze popolari dei nostri avi , giunte tuttavia a noi .

Giusto seguirle e tramandarle ?
Ciò che caratterizza il percorso e la storia di una popolazione sono appunto gli usi e costumi e tra queste ci sono le tradizioni .


E’ la notte della “Barca di San Pietro”: avete preparato caraffa e albume?

La barca di San Pietro, conosciuta anche come veliero di San Pietro, è una tradizione popolare  rurale diffusa in tutto il Nord Italia ,in particolare in Friuli Venezia Giulia,Veneto Trentino,Lombardia Liguria e Piemonte.È diffusa inoltre in alcune vallate e territori della Toscana nordoccidentale: Garfagnana e Valdilima (Lucca), Valleriana (Pistoia) e Galciana  (Prato).

Consiste nell’usanza di porre, nella notte fra il 28 e il 29 giugno (festività dei santi Pietro e Paolo,un contenitore di vetro riempito d’acqua su di un prato, un giardino o un davanzale esterno della finestra di casa, e nel far colare nell’ acqua un albume,secondo  il folklore popolare, sarebbero prodotte da San Pietro, che soffiando nel contenitore di vetro farebbe assumere all’albume la giusta conformazione.

Certo le tradizioni cambiano, da zona a zona: ma più o meno sono tutti concordi nel riferire che se le “vele” della barca si aprono, allora sono in arrivo belle giornate di sole, se invece si chiudono sarebbe sintomo di pioggia e maltempo. Nella tradizione contadina, le vele aperte indicherebbero anche un’ottima annata dal punto di vista del lavoro nei campi. E non dimenticate il vecchio detto: “Se piove a San Pietro, piove per un anno intero”.

. In Garfagnana e media valle del Serchio, negli anni dell’emigrazione, l’esito di questa pratica veniva interpretato anche come auspicio per il viaggio in mare di coloro che si apprestavano a partire per le Americhe.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui