Home Gluten Free Storie di donne glutenfree: Simona Cammarota.

Storie di donne glutenfree: Simona Cammarota.

1150
0

Lady PizzaNews Simona CAMMAROTA

Un compleanno glutenfree rosa durante la settimana della celiachia 

PER UNA “ SENZA GLUTINE” DIVENTA PIZZAIOLA.

Le casualità della vita .
Simona Cammarota racconta la sua storia al femminile . Durante la settimana della celiachia “la pizzaiola” parla della sua avventura nel mondo senza senza glutine .


 Puo’ una pizza senza glutine far  cambiare il corso della vita, trasformando una parrucchiera in pizzaiola? Pare proprio di sì! Un cambio di rotta decisivo! Resportage racconta come è avvenuto questo cambiamento bello è repentino . Intanto presento ai lettori una donna simpatica e giovane protagonista del mondo pizza .La napoletana Simona Cammarota, una ragazza tutta pepe, che si fa strada in un mondo di tutti pizzaioli .La storia inizia sui banchi di scuola dove lady conosce un ragazzino, Vittorio, il suo primo fidanzatino.  Crescono insieme e hanno in comune una certa avversione per la scuola, non fa’ proprio per loro; decidono dunque di intraprendere altre strade che possano garantire loro un futuro. Simona si iscrive quindi a Napoli ad una scuola serale per parrucchieri e la frequenta per tre anni, mentre la mattina fa’ pratica presso un parrucchiere, il suo Vittorio invece presso una pizzeria inizia ad imparare i trucchi del mestiere. Nel corso degli anni cambia diverse pizzerie, dal titolare di  ognuna apprende qualcosa che fa’ suo, mettendo poi in pratica le nozioni acquisite tanto da partecipare a varie gare e campionati in Italia e all’ estero. L’amore fra i due cresce, decidono quindi di sposarsi e Simona abbandona le ambizioni di parrucchiera per seguirlo ovunque, condividendo la sua passione, e per fare la mamma a tempo pieno. Qualche anno fa’ i due giovani fecero un passo importante:aprire una pizzeria nel centro di Napoli che in onore del loro amore chiamarono “ Io e Lei”.
Vittorio intanto, con grande soddisfazione di Simona, vince il Campionato Internazionale di Pizza, trofeo Caputo nella categoria  Specialità Tradizionale Garantita che presuppone il rispetto di alcuni disciplinari. Si reca anche in Marocco come giudice di gara mentre si perfeziona e si specializza anche nella pizza senza glutine. E qui entra in ballo lei “ladypizza”.Il senza glutine presuppone il rispetto di alcuni parametri, accortezze igieniche, particolari accorgimenti per quanto concerne la preparazione e il portare a tavola la pizza; infatti non vi devono essere commistioni fra farine, gli utensili adoperati per pizze normali non devono essere utilizzati anche per preparare gli impasti gluten free. Vittorio quindi si rende conto che non può lavorare su due fronti e decide di formare la Simona che a furia di seguirlo e vederlo aveva imparato tecniche e segreti. La passione cresce sempre più, e la pizzaiola si interessa anche ad altri alimenti e prodotti per soddisfare la esigente clientela e per assicurare un menù quanto mai vario e sfizioso. Presso “ Io e Lei” andavano infatti a ruba le frittatine a forma di cuore , ripiene di bolognese e besciamella, frutto dell’ inventiva  e dell’ amore della nostra pizzaiola, il gradimento dei clienti fu tanto anche per le zeppoline di pasta cresciuta, sfizioso antipasto, tanto amato anche dai piccoli. Ruolo importante anche le crocchette di patate, gli “strufoletti”:pezzi di pasta fritti e conditi con pomodorini, mozzarella , origano e basilico. Fra le pizze da segnalare grandi favori per la pizza a stella con cinque punte farcite secondo l’ estro e la creatività del pizzaiolo, ma altrettanta fama fra la clientela la pizza “ Halloween” con crema di zucca, bocconcini di ricotta, provola prosciutto cotto e pepe.

“ Io e Lei Pizzas” fu un esplosione di gusto oltre che di passione da ricordare i dolci come: la “ Capresina” un dolcetto piccolo , ma gustosissimo con all’ interno nutella, irresistibile per grandi e piccini e “ Luna Nera”, dolcino ripieno di nutella con sopra caramello. La pizzeria inizialmente era solo da asporto, ma visto che la gente voleva gustare con calma le specialità; il locale fu dotato di alcune panchine dove era possibile consumare le prelibatezze di Simona e Vittorio . Intanto per conoscere meglio il mondo del “ senza glutine” a Simona ha frequentato un corso promosso dall’ AIC( Associazione Italiana Celiachia), mentre per quanto riguarda la parte pratica è stata amorevolmente seguita dal marito, Vittorio D’ Imperio, già qualificato in questo settore che richiede tante accortezze. Infatti proprio lo studio approfondito di questo settore, della preparazione degli impasti specifici, delle norme igieniche da seguire, ha portato bene alla pizzaiola che ha partecipato per la categoria senza glutine al 12° Campionato Mondiale dei Pizzaiuoli svoltosi a Napoli sullo splendido lungomare dove era allestito il Pizza Village.



La nostra Lady ha conquistato, con grande gioia di PizzaNews, di cui fa’ parte il gruppo femminile, piazzandosi al primo posto,l’ ambito trofeo in una gara molto ambita perché riunisce il meglio dei pizzaioli a livello mondiale  ed ha una giuria veramente qualificata composta da esperti nel settore, giornalisti, chef, esponenti del mondo della gastronomia.


Simona dopo questa prestigiosa vittoria, parteciperà a gare e campionati portando alto il nome delle donne, spesso dietro lo quinte, invece questa volta alla ribalta. Il prestigioso riconoscimento affermato, servirà a spingere altre ragazze a mettersi in gioco, ma nello stesso tempo a fare squadra, a scambiarsi consigli e informazioni anche su competizioni, metodi e preparazioni. La Cammarota è pronta ad aiutare le sue colleghe , a spronarle ed incitarle ,orgogliosa di far parte del gruppo Lady PizzaNews; la sua vittoria è infatti il trionfo delle donne che idealmente condivide con tutto il gruppo, oltre che con il marito suo primo fan e maestro. Simona comunque non si ferma, intende seguire altri corsi di qualificazione ed aggiornamento che le permetteranno di essere competitiva e di fornire alla sua clientela un prodotto di qualità. Quando le abbiamo poi chiesto dei sui progetti, ci ha risposto che cresce in forno come l’ impasto, per restare in tema.Attualmente Simona è una donna impegnata tra le mura di casa soprattutto ai fornelli, mamma di quattro bimbi si dedica ormai da anni al ruolo di mamma e moglie, abbandonando il mondo pizza ma non dimenticandolo del tutto .

La pizza di Simona durante la quarantena.

.Sebbene oggi Simona e Vittorio non siano più gestori di pizzeria continuano i loro impasti soprattutto durante la quarantena!!

Buon compleanno Simona.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui