Home Enogastronomia Cantuccini mandorlati della Chioccia d’oro .

Cantuccini mandorlati della Chioccia d’oro .

212
0

La storia dei cantucci è antica e proprio per questo ricca di tradizione.

Ricetta live per settv di Vallo della Famiglia Positano

 Insieme  scopriamo com’è questo biscotto famoso .

 Spesso mangiamo i cantucci   a fine pasto, i biscotti  croccanti all’uovo e mandorle, accompagnati anche da un buon bicchiere di vino dolce come il passito .Chiamati  anche biscotti di Prato e qualcuno potrebbe pensare che questo sia il nome più corretto. In realtà entrambi i termini vengono usati indifferentemente ed erroneamente.

Per ricostruire le origini occorre tornare alla parola stessa “Cantuccio”. Questo termine indica l’angolo interno di una stanza o di un mobile, diminutivo di canto “angolo”. Ma anche l’antico provenzale cantel e l’antico francese chantel che indicano la quarta parte di qualcosa, possono, nel dettaglio, intendere anche un pezzo di pane tagliato nell’angolo. Nel primo Cinquecento, quando in Europa si stava affermando l’uso dello zucchero di canna nella produzione dolciaria, venne creata la versione dolce di quelli che sarebbero stati chiamati Cantucci. inizialmente invece erano composti di un impasto simile al pane con anice e finocchio, cotti in forno, tagliati in modo obliquo e rimessi in forno a biscottare così che durassero più a lungo. Non erano prodotti ben identificati quanto piuttosto costituivano una procedura, un metodo di preparazione.

Le mandorle vennero aggiunte all’impasto molto probabilmente per iniziativa di Caterina de’ Medici, consorte di Enrico II, ghiotta e fine conoscitrice dell’arte culinaria, tanto che introdusse in terra francese molti piatti della cucina italiana nonché insegnò l’uso della forchetta a tavola.

Qualunque sia il nome più corretto per definirli, la loro tipica croccantezza e il loro gusto autentico, hanno permesso che questa ricetta e tutte le sue metamorfosi potessero giungere fino a noi. Noi li chiamiamo Cantuccini e li realizziamo nella variante dolce, quella più conosciuta e tradizionale, con uova, latte fresco, mandorle, zucchero e miele.

Una delizia che supera la prova del tempo!La Chioccia d’oro coccola così i suoi clienti rendendo questi biscotti più caserecci . 

Cantuccini mandorlati cilentani della Chioccia d’oro .Ricetta live della famiglia Positano  per set tv di Vallo .

Rosa e mamma Maria


Impastare tutti gli ingredienti

250 grammi mandorle con pellicina

E creare dei rotolini

Adagiarli su carta forno

In superficie dei rotoli

Albume sbattuto e zucchero semolato

Informare x 20 minuti a 180 gradi

Sfornare

Tagliare i rotolini in forma diagonale

Da creare  ogni biscotto

Circa di 3 centimetri

E adagiare nuovamente in forno tutti i biscotti tagliati

Per favorirne tostatura.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui