Home Attualità “L’AFFERMAZIONE DEI CIVILI: IL CASO DEGLI HODIERNA”

“L’AFFERMAZIONE DEI CIVILI: IL CASO DEGLI HODIERNA”

192
0

Nuovo libro a Sarno

SARNO – E’ giunta alla pubblicazione il volume dal titolo L’ affermazione dei “civili”: il caso degli Hodierna. A comunicarlo con orgoglio è il comitato promotore della collana editoriale intitolata “Studi Storici Sarnesi”. Un volume molto interessante della Valle Sarno patrocinato dalla Società Salernitana di Storia Patria e dall’ Associazione degli Storici del Cristianesimo – Campania (ASCri).

L’opera intende tracciare un profilo-tipo di una famiglia eminente del ceto mediano dell’Italia meridionale la quale riuscì ad imporsi socialmente e ad assurgere a posizioni di potere dapprima attraverso le professioni legali e, dopo, grazie al conseguimento dello status nobiliare, nel lungo periodo di tempo compreso tra il tardo medioevo e l’epoca moderna.

Attraverso le indagini congiunte e coordinate degli autori, emergono dal libro diversi momenti nodali di storia che hanno rilevanza non solo campana, o locale, ed acquistano nuova luce i ritratti di alcuni personaggi del Casato già noti alla storiografia regnicola o salernitana quali il giurista Giovanni Battista Odierna (1602-1678), il vescovo Paolo Odierna (m.1506) e il sacerdote D. Luigi Maria Odierna (m.1825), rivoluzionario nel 1799.

Accanto a questi, molti altri se ne sono aggiunti, variamente distribuiti lungo il periodo coperto dagli scritti, nella serie dei quali si impongono all’ attenzione del Lettore l’annalista Giovanni Battista Odierna operante nella cittadina di Sarno alla metà del Cinquecento, il poeta sacro Nicola Odierna che scrive ai principî del Settecento o, anche, il generale di origini italo-americano Raymond Th. Odierno, 38° Capo di Stato Maggiore dello U.S. Army, la cui famiglia era originaria di Sarno (SA).

La monografia è corredata e completata da tavole genealogiche, immagini in b/n nel testo, tavole a colori e bianco e nero fuori testo, abstracts dei contributi ed indice analitico.

Il volume che ha il costo di 20,00 euro è venduto nelle librerie e cartolerie e sarà presentato, appena le condizioni sanitarie lo consentiranno, presso la Sala Congressi del Polo sanitario Filande. 

Il volume è stato curato da Alfredo Franco, Francesco De Martino e Agostino Odierna,  presentato da Giuseppe Cacciatore  ha goduto la partecipazione di ben 14 autori: Carmelo Currò, Pasquale Natella, Gaetana Mazza, Francesco De Martino, Roberto Frecentese, Agostino Odierna, Carmine Di Domenico, Roberto Celentano, Pasquale Marciano, Felice Marciano, Salvatore D’Angelo, Federico Cordella, Elena Amendola e Alfredo Franco.

Salvatore Campitiello

Articolo precedenteDiplomatica glutenfree di Rita .
Articolo successivoCantuccini mandorlati della Chioccia d’oro .
Luciano Squitieri nasce nel 1988 a Sarno, cresce tra Striano, un piccolo paesino alle pendici del Vesuvio, e Santa Maria di Castellabate, piccolo borgo nel cuore del Cilento. Mentre studia per il diploma in Elettronica ed Automazione presso l’istituto superiore “ITIS E. Fermi” di Sarno, si avvicina al mondo della fotografia, lasciandosi ispirare dei grandi nomi della street photography. Conseguito il diploma nel 2009, Luciano decide che la fotografia sarà il suo pane quotidiano. Seguendo le orme di suo fratello Gianni, imbraccia la fotocamera e lavora duro per imparare tutti i trucchi del mestiere. Nel 2015, dopo tre anni di impegno e dedizione, gli viene consegnato il tesserino ufficiale dell’Ordine dei Giornalisti, realizzando il suo sogno di essere un giornalista pubblicista. Questo il punto di svolta della carriera di Luciano che lo porta da Made in Sud, noto programma comico di Rai 2, fino al Festival di Sanremo dove conosce personaggi illustri del mondo dello spettacolo. Nel 2016 fonda la testata giornalistica Resportage, della quale è direttore e fotoreporter. L’animo gentile e la disponibilità estrema fanno di Luciano la persona giusta alla quale affidarsi per immortalare i momenti più importanti. Per Luciano la fotografia non è solo una professione ma uno stile di vita. “Dalla prima fotografia all’ultima, ogni volta provo sempre la stessa emozione quando scatto”. Luciano Squitieri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui