Home Cinema BEHEMOTH di Zhao Liang

BEHEMOTH di Zhao Liang

169
0

Film reale e terribile, Behemoth è l’ultima monumentale opera del regista e fotografo Zhao Liang, vero e proprio precursore di un rivoluzionario movimento documentarista cinese. Prima di avventurarsi magistralmente nella produzione di documentari, Liang, però, inizia la sua carriera artistica come fotografo negli anni ’90. 

I suoi primi due lavori, Farewell to Yuanmingyuan (1995) e Paper Airplane (1997) sono, infatti, esteticamente perfetti e capaci di imporsi, agli occhi dello spettatore, come una visione di pulsante urgenza. Behemoth è, forse, l’opera di Liang che meglio riesce a creare qualcosa di assolutamente nuovo e, al medesimo tempo, rendere chiara testimonianza di orrore e bellezza. 

Il film si articola in tre momenti, come le tre cantiche della Divina Commedia: dagli inferi incandescenti, dove minatori disumanizzati e strappati alla loro terra sono costretti a scavare l’oro e fondere l’acciaio, all’enigmatica realtà del purgatorio, dove corpi devastati e senza tempo attendono una morte che, come tutto, appare squallida e priva di significato. Dal purgatorio, il protagonista del documentario, insieme alla sua guida, risale verso il paradiso. Un paradiso esistente ma disabitato: una cruda verità che Zhao Liang riesce a documentare, ancora una volta, perfettamente. 

Behemoth ha un carattere squisitamente profetico e umano, etereo e concreto: 95 minuti di quasi totale silenzio, eppure un film capace di urlare. 

  • Regia: Zhao Liang
  • Attori: Zhao Liang – Narratore
  • Sceneggiatura: Zhao Liang, Sylvie Blum
  • Fotografia: Zhao Liang
  • Musiche: Huzi , Alain Mahé, Mamer
  • Montaggio: Fabrice Rouaud
  • Effetti: Ève Ramboz
  • Altri titoli: Bei xi mo shou Behemoth
  • Durata: 90′
  • Colore: C
  • Genere: DOCUMENTARIO
  • Specifiche tecniche: 4K, DCP
  • Produzione: SYLVIE BLUM PER INA, IN CO-PRODUZIONE CON ARTE FRANCE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui