Home Foto Sarno. Il Rito del Venerdì Santo :<> .

Sarno. Il Rito del Venerdì Santo :<< Lo "Struscio" e la processione dei "Paputi" >> .

257
0

Sarno. Il Rito del Venerdì Santo :<< Lo “Struscio” e la processione dei “Paputi” >> .
Foto a cura di Fabiano Annunziata e Luciano Squitieri.
Sarno (SA)
.
Ogni immagine presente su questo sito è protetta da Copyright e pertanto ai sensi dell’art. 2575 c.c è assolutamente vietato ogni utilizzo e/o riproduzione senza previo consenso da parte dell’autore.

.
#ProcessionedeiPaputi
#lucianosquitieriphotography
#VenerdìSanto
#Resportage
#Sarno
#Paputi
www.lucianosquitieri.it
www.resportage.it

Sarno. I riti della settimana Santa rappresentano uno dei momenti più coinvolgenti e di profondo legame identitario. In particolare, gli atti culminanti sono lo “struscio” e la processione dei Paputi, che si tengono, per antica tradizione, la sera del giovedì Santo e nella mattinata del venerdì Santo. Una settimana dove religiosità e tradizione, mistero e suggestioni si fondono e vedono come momento culminante la processione dei “paputi”, il fulcro dei riti pasquali sarnesi. Le processioni rappresentano la teatralizzazione del dolore del morto, il coinvolgimento di una intera comunità e degli spazi sociali, attraverso un rituale antichissimo. La rappresentazione dell’assunzione della morte, di controllo di essa, per giungere, attraverso il Gesù Risorto, all’affermazione della speranza, della vita e alla vittoria del bene sul male.

LO STRUSCIO E I SEPOLCRI – Tutto inizia il giovedì Santo con lo “struscio” che rappresenta il prologo del dramma della Passione di Cristo. Nelle chiese della città i quadri vengono coperti e le campane vengono legate e si preparano i sepolcri nelle chiese, nelle piazze e nelle vie. I sepolcri, sono gli altari della reposizione, cioè quello “spazio” allestito al termine della messa in cena Domini del giovedì Santo, destinato ad accogliere le specie eucaristiche consacrate e conservarle. Nel tardo pomeriggio del giovedì inizia lo struscio, a ricordo di un tempo in cui l’uomo guardava negli occhi il Mistero senza arroganza, e si avvicinava strusciando in segno di dolore e stupore. I sepolcri restano allestiti fino al pomeriggio del venerdì, al termine della processione dei paputi.

I PAPUTI – Le suggestive processioni delle “Croci” o “paputi”, che dalle prime luci dell’alba del venerdì Santo, fino alla tarda mattinata, percorrono le strade della città. Un rituale che affonda le sue radici nel 1200, cioè quando a Sarno si costituiscono le confraternite. Inizialmente erano tre, poi cinque, poi sette alla fine del ‘700, oggi sono nove.  Il rito del venerdì Santo è fondato tutto sul simbolismo della croce, attraverso cui avverrà la purificazione e l’ascesa del paputo che rappresenta l’uomo comune che attraverso questo cammino raggiunge la purificazione. Il Paputo rappresenta l’uomo vecchio che, attraverso il rito della Pasqua- Passaggio passa ad una nuova giovinezza, rinnovata dall’esperienza del Sacro. Le varie confraternite sono vestite di bianco, si distinguono tra loro dai diversi colori dei cordoni o cingoli, ad eccezione della Croce di San Francesco, vestita con il saio Francescano e la Croce di San Matteo, completamente vestita di rosso. Le Croci si fermano ad ogni sepolcro, dove gruppi di cantori intonano struggenti canti in memoria del Cristo defunto, canti che accompagnano le processioni e sottolineano lo scandalo salvifico della Croce, che da simbolo di infamia diventa, grazie al sacrificio di cristo, simbolo di redenzione per gli uomini. Gli incappucciati o Paputi sono seguiti da cori che intonano suggestivi canti o salmi liturgici sulla passione e morte di Gesù Cristo, l’accorato lamento funebre crea un’atmosfera di sofferenza e di pentimento. Ogni qualvolta due croci si incontrano, oppure  la croce trova un sepolcro, iniziano i canti struggenti, che sottolineano lo scandalo salvifico della Croce, che da simbolo di infamia diventa simbolo di redenzione. Sono propri i canti a costituire il momento più toccante.

Fonte:
https://www.puntoagronews.it/

Articolo precedenteCoronavirus in Italia, 147.577 casi positivi e 18.849 morti. Il bollettino del 10 aprile
Articolo successivoLE CAUSE DEL CORONAVIRUS: MEDICI A CONFRONTO SULLE TERAPIE DA METTERE IN ATTO
Luciano Squitieri nasce nel 1988 a Sarno, cresce tra Striano, un piccolo paesino alle pendici del Vesuvio, e Santa Maria di Castellabate, piccolo borgo nel cuore del Cilento. Mentre studia per il diploma in Elettronica ed Automazione presso l’istituto superiore “ITIS E. Fermi” di Sarno, si avvicina al mondo della fotografia, lasciandosi ispirare dei grandi nomi della street photography. Conseguito il diploma nel 2009, Luciano decide che la fotografia sarà il suo pane quotidiano. Seguendo le orme di suo fratello Gianni, imbraccia la fotocamera e lavora duro per imparare tutti i trucchi del mestiere. Nel 2015, dopo tre anni di impegno e dedizione, gli viene consegnato il tesserino ufficiale dell’Ordine dei Giornalisti, realizzando il suo sogno di essere un giornalista pubblicista. Questo il punto di svolta della carriera di Luciano che lo porta da Made in Sud, noto programma comico di Rai 2, fino al Festival di Sanremo dove conosce personaggi illustri del mondo dello spettacolo. Nel 2016 fonda la testata giornalistica Resportage, della quale è direttore e fotoreporter. L’animo gentile e la disponibilità estrema fanno di Luciano la persona giusta alla quale affidarsi per immortalare i momenti più importanti. Per Luciano la fotografia non è solo una professione ma uno stile di vita. “Dalla prima fotografia all’ultima, ogni volta provo sempre la stessa emozione quando scatto”. Luciano Squitieri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui