Home Attualità Governo, coronavirus: da domani fino al 15 marzo chiuse scuole e Università...

Governo, coronavirus: da domani fino al 15 marzo chiuse scuole e Università in tutta Italia

483
0

Emergenza coronavirus: il governo ha disposto la chiusura immediata di scuole e università in tutta Italia da oggi fino a metà marzo. Lo ha deciso l’Esecutivo riunito a Palazzo Chigi. La misura sarà presa con un decreto in vigore da oggi. Ma gli effetti del virus di Wuhan sul mondo politico e sociale sono anche altri.

Il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli è in auto-isolamento. Il viaggio in Mozambico del presidente della repubblica, Sergio Mattarella, previsto dal 10 al 12 marzo, è stato rinviato ed è a rischio la cerimonia dell’8 marzo.

È, quella intrapresa dal governo, una strada complessa, che avrà costi sociali enormi e che andrà spiegata alla popolazione, probabilmente con un intervento pubblico del presidente del Consiglio. Tra i nodi principali che sono stati oggetto di valutazione, la necessità di coordinare il rapporto con le Regioni, affidato al ministro Francesco Boccia, in modo da evitare che si proceda in ordine sparso (la competenza sulle scuole è di natura regionale)

E, naturalmente, quello di predisporre meccanismi utili a salvare comunque l’anno scolastico: a questo problema deve dare una risposta la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina.  Inutile sottolineare il peso di una mossa di questo genere, così come anche l’importanza nel contenimento del virus.

Il ministro Patuanelli in auto isolamento

Il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli è in auto-isolamento al Mise. La misura, del tutto precauzionale, si è resa necessaria dopo l’incontro, risalente al 25 febbraio scorso, con l’assessore lombardo Alessandro Mattinzoli, risultato positivo al Covid-19. Patuanelli, viene spiegato, era stato l’unico ad avere avuto un incontro diretto e di oltre 15 minuti con l’assessore allo Sviluppo economico, nella Sala degli Arazzi del dicastero.

Mattarella rinvia viaggio Mozambico, a rischio 8 marzo

Il viaggio in Mozambico del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, previsto dal 10 al 12 marzo, è stato rinviato.

A quanto si apprende, a causa dell’emergenza coronavirus, potrebbe ‘saltare’ anche la cerimonia per la festa delle donne domenica 8 marzo. Se le direttive del governo che dovrebbero essere emanate oggi o domani vieteranno cerimonie, convegni e congressi – è quanto filtra informalmente- anche la presidenza della Repubblica si atterrà alle disposizioni

Il governo, per la decisione di chiudere scuole e università che scatterà da domani, si è affidato al parere della commissione scientifica che già ieri aveva consigliato la chiusura per un mese degli eventi sportivi in tutto il Paese. E a quello del ministero della Salute di Roberto Speranza, che non aveva fatto mistero di essere favorevole alla chiusura. La decisioni ha avuto immediate reazioni politiche, a cominciare dal leader della lega. “È urgente – ha commentato Matteo Salvvini – stanziare aiuti economici per i genitori che lavorano e che con le scuole chiuse hanno problemi con i figli a casa”. 

Il premier Giuseppe Conte incontrrerà le parti sociali nel pomeriggio a Palazzo Chigi.

Fonte: www.repubblica.it

Articolo precedente“Miracolo Mondiale”: il nuovo progetto di Gerardo Guariglia
Articolo successivoAsteroide più alto delle Dolomiti “sfiorerà” la Terra a fine aprile: quali sono i rischi
Luciano Squitieri nasce nel 1988 a Sarno, cresce tra Striano, un piccolo paesino alle pendici del Vesuvio, e Santa Maria di Castellabate, piccolo borgo nel cuore del Cilento. Mentre studia per il diploma in Elettronica ed Automazione presso l’istituto superiore “ITIS E. Fermi” di Sarno, si avvicina al mondo della fotografia, lasciandosi ispirare dei grandi nomi della street photography. Conseguito il diploma nel 2009, Luciano decide che la fotografia sarà il suo pane quotidiano. Seguendo le orme di suo fratello Gianni, imbraccia la fotocamera e lavora duro per imparare tutti i trucchi del mestiere. Nel 2015, dopo tre anni di impegno e dedizione, gli viene consegnato il tesserino ufficiale dell’Ordine dei Giornalisti, realizzando il suo sogno di essere un giornalista pubblicista. Questo il punto di svolta della carriera di Luciano che lo porta da Made in Sud, noto programma comico di Rai 2, fino al Festival di Sanremo dove conosce personaggi illustri del mondo dello spettacolo. Nel 2016 fonda la testata giornalistica Resportage, della quale è direttore e fotoreporter. L’animo gentile e la disponibilità estrema fanno di Luciano la persona giusta alla quale affidarsi per immortalare i momenti più importanti. Per Luciano la fotografia non è solo una professione ma uno stile di vita. “Dalla prima fotografia all’ultima, ogni volta provo sempre la stessa emozione quando scatto”. Luciano Squitieri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui