Home Scienze Estate 2020: forse sarà la più calda degli ultimi 100 anni, secondo...

Estate 2020: forse sarà la più calda degli ultimi 100 anni, secondo gli esperti dell’ECMWF

583
0

Un inverno pressoché mite, piogge assenti e un inizio febbraio decisamente caldo. Tutti elementi che portano gli esperti a pensare a un’unica cosa: la prossima stagione estiva potrebbe essere ricordata come una delle più calde degli ultimi 100 anni per caldo e afa.

A lanciare l’allarme è il Centro Meteorologico europeo di Reading che, a partire dagli ultimi aggiornamenti stagionali, prevede l’arrivo di “anomalie termiche positive” di +1,5° C.

Il caldo, l’afa e l’anticiclone nord-africano caratterizzeranno tutto il bimestre giugno e luglio 2020 (agosto sarà lievemente più fresco) con temperature che, secondo le previsioni, potrebbero superare anche quelle dell’estate 2003, finora la più calda mai registrata.

E il caldo torrido, ahinoi, non si presenterà da solo: quella che è oramai una vera e propria estremizzazione del clima potrebbe portare con ogni probabilità, secondo i meteorologi, anche a fenomeni estremi, come trombe d’aria, grandinate e bombe d’acqua.

Temperature decisamente da record per questo inizio febbraio, con un caldo record in tutta Europa, dai 22 gradi di Cagliari ai 27 gradi di alcune località della costa spagnola e francese. Il caldo record arriva fino alla Russia, dove tantissime città, tra cui Mosca e San Pietroburgo, hanno conosciuto per la prima volta temperature al di sopra dello zero visto il periodo.

… e freddo improvviso

Secondo il meteo, il clima mite si avrà fino a oggi martedì 4 febbraio, poi comincerà una vera e propria irruzione polare. Già oggi, nel corso del pomeriggio, venti sempre più forti di Maestrale e di Tramontana faranno peggiorare il tempo su Marche, Abruzzo, Molise e poi in serata anche nelle regioni meridionali. La neve inizierà a cadere dai 1500 metri, ma entro sera raggiungerà le colline fino a 600 metri. Brutto tempo e freddo anche sul Friuli Venezia Giulia, mentre sul resto delle regioni il sole sarà prevalente. Per domani mercoledì 5 febbraio, sono previsti venti forti di Tramontana su gran parte delle coste italiane e maltempo su Abruzzo, Molise, Puglia, Irpinia, alcuni tratti della Basilicata e sui settori Nordorientali della Sicilia. La neve cadrà sopra i 4-600 metri.

Fonte: www.greenme.it/

Articolo precedenteAsteroide più alto delle Dolomiti “sfiorerà” la Terra a fine aprile: quali sono i rischi
Articolo successivoCoronavirus, scuole e atenei chiusi fino al 15 marzo. Conte: “L’Italia non si arrende”
Luciano Squitieri nasce nel 1988 a Sarno, cresce tra Striano, un piccolo paesino alle pendici del Vesuvio, e Santa Maria di Castellabate, piccolo borgo nel cuore del Cilento. Mentre studia per il diploma in Elettronica ed Automazione presso l’istituto superiore “ITIS E. Fermi” di Sarno, si avvicina al mondo della fotografia, lasciandosi ispirare dei grandi nomi della street photography. Conseguito il diploma nel 2009, Luciano decide che la fotografia sarà il suo pane quotidiano. Seguendo le orme di suo fratello Gianni, imbraccia la fotocamera e lavora duro per imparare tutti i trucchi del mestiere. Nel 2015, dopo tre anni di impegno e dedizione, gli viene consegnato il tesserino ufficiale dell’Ordine dei Giornalisti, realizzando il suo sogno di essere un giornalista pubblicista. Questo il punto di svolta della carriera di Luciano che lo porta da Made in Sud, noto programma comico di Rai 2, fino al Festival di Sanremo dove conosce personaggi illustri del mondo dello spettacolo. Nel 2016 fonda la testata giornalistica Resportage, della quale è direttore e fotoreporter. L’animo gentile e la disponibilità estrema fanno di Luciano la persona giusta alla quale affidarsi per immortalare i momenti più importanti. Per Luciano la fotografia non è solo una professione ma uno stile di vita. “Dalla prima fotografia all’ultima, ogni volta provo sempre la stessa emozione quando scatto”. Luciano Squitieri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui